Carta forestale del regno d’Italia (1936)



Descrizione del progetto

Il Progetto

Il progetto ha permesso il recupero e la restituzione in formato digitale della Carta forestale del Regno d’Italia, realizzata nel 1936 dall’allora Milizia Forestale. Ciò è stato possibile grazie al lavoro svolto dall’unità dell’Inventario Nazionale delle Foreste e dei serbatoi forestali di Carbonio (INFC) del Corpo Forestale dello Stato e dal Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria CREA-MPF di Trento, in collaborazione con il CREA-SEL di Arezzo ed il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica (DICAM) dell’Università degli Studi di Trento. Il materiale cartografico recuperato è stato inserito in un WebGis per poter rendere disponibile la cartografia forestale del 1936 ad operatori forestali, biologi, naturalisti ed a chiunque sia interessato ad indagare i cambiamenti ecologici e del paesaggio avvenuti nel nostro paese a partire dal 1936. Grazie al WebGIS è possibile visualizzare e interrogare la Carta Forestale del Regno d’Italia del 1936 in formato raster e vettoriale. I file raster sono il risultato della scansione e della georeferenziazione dei fogli cartacei originali mentre i file vettoriali sono stati creati digitalizzando manualmente i confini delle aree boscate presenti nei file raster. Poiché nel 1936 i confini dello stato italiano erano diversi da quelli odierni la cartografia forestale ricopre anche aree che attualmente si trovano in Slovenia, Croazia e Francia. Tramite il WebGIS è anche possibile scaricare i file vettoriali e raster della Carta Forestale sul proprio computer.
La correttezza topologica dei dati vettoriali è stata controllata utilizzando le funzioni “Controlla validità geometria” e “Validatore topologico” (software GRASS GIS 7.0.3RC2, QGIS2.8.1, Topology Checker Plugin Version 0.1, fTools version: 0.6.2 a). In particolare con il “Validatore topologico” è stata testata l’assenza di: duplicati, geometrie non valide e sovrapposizioni.

Webgis e dati contenuti

La macchina virtuale è stata costruita utilizzando: Vmware per la virtualizzazione e Xubuntu 15.10 64bit come guest OS. Il WebGIS si basa su Geoserver, Tomcat, PHP, OpenLayers, Ext.js, PostgreSQL, PostGIS e GRASS (Geographic Resources Analysis Support System).
Il WebGIS mostra la Carta forestale del Regno d’Italia in formato raster e vettoriale, integrandolo con mappe aggiuntive visualizzabili sullo sfondo per aiutare l’utilizzatore a identificare le diverse posizioni. La Carta può essere scaricata in formato raster geotiff e vettoriale shape file.
La base dati è costituita dai 273 fogli in scala 1:100.000 della Carta forestale del Regno d’Italia del 1936, nei due formati: raster e vettoriale ricavato dalla vettorializzazione del formato raster; le mappe aggiuntive sono state ricavate attingendo a database ufficiali e/o di libera consultazione.
I confini di stato, regioni e province italiani provengono dal sito ISTAT (http://www.istat.it/), i confini di Slovenia e Croazia provengono dal GADM database of Global Administrative Areas (http://www.gadm.org/). Le mappe con le strade principali, ferrovie, fiumi, ecc. derivano dal www.OpenStreetMap.org e sono state processate al fine di ridurre il numero di entità geografiche. La mappa dei laghi deriva dal Corine Land Cover version 13 (02/2010).
In modalità visualizzazione tutti gli strati informative sono stati riproiettati inspherical mercator (srid: 3857) La legenda delle 25 categorie della Carta forestale del Regno d’Italia del 1936 è stata costruita utilizzando i colori nel modo più fedele possibile rispetto a quanto presente nei fogli stampati. Da qui è possibile visualizzare un'anteprima della legenda utilizzata.
Nella sezione Download è possibile scaricare - nel sistema di riferimento Gauss Boaga Roma 40 fuso ovest e fuso est - il vettoriale della carta forestale, e, nel sistema di riferimento spherical mercator, i raster delle mappe originali.